Home » Siente a me » Notizie di cronaca » Unatavolalungaunchilometro, nel centro storico di Napoli pranzo sociale ecosostenibile

Unatavolalungaunchilometro, nel centro storico di Napoli pranzo sociale ecosostenibile

1
Condividi
Pinterest Google+

E’ il volto bello e cooperativo della gente che con i propri esercizi commerciali popola via Pallonetto a Santa Chiara, Napoli.

Tanti esercenti si uniscono tra loro in molti periodi dell’anno per dare risonanza positiva al quartiere storico partenopeo, che pullula di ricchezza culturale, ma anche umana. Sabato 30 settembre residenti e commercianti si riuniscono intorno a una Tavolatalungaunchilometro. L’iniziativa supportata dalla Municipalità, rappresentata da Francesco Chirico, ragrupperà in una tavolata che occuperà un chilometro di strada, cibo ed offerte con 200-300 posti.

L’allegro spirito di convivialità avrà anche carattere ecosostenibile: non ci saranno rifiuti perché ciascuno porterà con sé, posata, piatto e bicchiere.

L’idea del progetto nasce dallo spirito di coesione e volontà di Nives Monda, proprietaria della Taverna Santa Chiara, Paola Russo, titolare di una Vetrina in Centro (Tentakoli), Luciana di Marzo di Moda &Costume Vintage, Enza Iasevoli di Mitico Tipico, Gabriella Dario di Osmiss, Monastero Risto-Vino, Monica Amodio della cartolibreria Portalba, Gay Odin, Marialuisa Squitieri di Madrenatura. Luigi D’Alessio, Gigi Crispino e Gennaro Natale di Salumeria Upnea.

Non manca il sostegno di Xenia Artigianato, Santa Fede Liberata, le cooperative sociali Pappici e La Locomotiva; Ciro Pirone di Ru Casa Dugenta, Bucce di Pomodoro di Duraccio Massimo; l’asilo Filangieri, Zero81, Scarpe da Tennis rappresentata da Mena Severino e Laura Guerra; il Centro la Palma di Raffaele Arnoldo Rossi.

L’organizzazione curata da Laura Sepe, Roberta Avitabile, Imma D’anchise, Clelia Renna, Oratoris Francesco, Rosa Delisio e Federico Mastronimco, Sergio Colella e Rosanna Terracciano di Sos Amici (aiutiamoci tra noi), nasce da una chiacchierata tra i protagonisti del quqrtiere, uniti dall’intento di rivalutare le strade del centro storico e dei Decumani.

A cucinare saranno le signore del quartiere che offriranno cibo a tavola, occupando ad opera pacifica, un pezzo di strada, per creare un corto circuito di passaggio per le auto in modo provocatorio, e dare espressione alla vivecità e alla potenzialità del Pallonetto S.Chiara, anche per poche ore.

“Vogliamo Liberare la strada dalle macchine e dall’ immondizia, dando spazio all’accoglienza, ribadiscono gli organizzatori, Unatavolatalungaunchilometro vuole essere un monito per la città di Napoli”.

Durante il pranzo saranno scambiati anche libri di testi scolastici, per le scuole medie a favore delle famiglie meno abbienti, in concomitanza con la vendita di giornali di strada con ‘Scarpe da Tennis’, ovvero i senza fissa dimora.

Non ci sarà prezzo da pagare; chi vorrà, potrà fare anche donazioni, al fine di rendere possibile iniziative per il quartiere che puntano ad esempio all’organizzazione di attività  per i ragazzi emarginati, in un contesto privo di educativa di strada o all’avvio di tirocini formativi presso le botteghe del quartiere, destinati ai ragazzi che non terminano l’obbligo scolastico.

 

Contenuti precedenti

Bere&Bé, inaugura ad Afragola la bottiglieria-pizzicheria per amanti del vino

Prossimi contenuti

Fusilli integrali al forno con fagiolini. La ricetta

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *