Home » Pariammo » Una pizza per l’Africa, al via il progetto di Slowfood Campania

Una pizza per l’Africa, al via il progetto di Slowfood Campania

0
Condividi
Pinterest Google+

Una pizza per l’Africa, il programma del 4 Aprile

Martedì 4 aprile alle ore 20 Slow Food Cilento organizza, presso la pizzeria 3Voglie a Battipaglia, la terza di quattro serate che, in tutta la provincia di Salerno, stanno contribuendo a realizzare il progetto Una pizza per l’Africa.

Una pizza per l’africa, come partecipare all’Evento?

Partecipare all’evento una pizza per l’Africa è semplicissimo: basterà partecipare ad una delle serate che verranno organizzate sino a Giugno.

  • Resilienza (Salerno), mercoledì 25 gennaio
  • 3voglie (Battipaglia), mercoledì 1 marzo
  • daZero (Vallo della Lucania), mercoledì 5 aprile
  • Antica Pizzeria Negri (Pontecagnano), venerdì 30 giugno

L’appuntamento è dunque l’occasione per conoscere da vicino il progetto, oltre che assaggiare le pizze realizzate con questo pomodoro. Saranno presenti per l’occasione, accolti dal padrone di casa Valentino Tafuri, altri due protagonisti del progetto: Paolo De Simone di “daZero” e Gennaro Coppeta di “Resilienza”.

I tre pizzaioli prepareranno le specialità che hanno pensato di offrire per il progetto.
La Margherita con bufala a crudo (a cura della Pizzeria 3Voglie), il panuozzo con il soffritto (a cura della Pizzeria Resilienza) e la Pizza dell’Alleanza (in carta da daZero).

Sono orgoglioso di far parte di questo progetto così importante assieme a colleghi con cui è nata una bella amicizia. Il cibo è condivisione e deve essere anche benessere e solidarietà”,sottolinea Valentino Tafuri.

Ma gli stimoli non finiscono qui per il pizzaiolo che ha cominciato a sperimentare anche le fatiche dei contadini, portando avanti in prima persona un campo di grano che conta di portare in tavola presto nella sua 3Voglie.

Soddisfazioni che si sommano all’invito, da parte di Eataly Roma, di proporre la sua pizza il prossimo 2 aprile. “Con me non verranno solo i miei panetti ma anche tutti i prodotti dellaPiana del Sele che contribuiscono a rendere grande la mia pizza”, chiosa Tafuri.

Una pizza per l’africa, il menù della serata del 5 Aprile

Il menù della serata prevede anche un antipasto con il Viccio cilentano con cicoria e manteca ed il dolce. In abbinamento sarà possibile degustare il Fiano Capoclasse del Profagri, il Rosso Marea di Luna Rossa di Mario Mazzitelli e le birre artigianali Serrocroce di Vito Pagnotta.

La quota di partecipazione è di €18,00 per i soci Slow Food; €20,00 per i non soci.

Per info e prenotazioni, è possibile chiamare 3Voglie al numero 0828 370533.

Un Orto in Africa

Questo lo scopo che ha messo insieme diverse realtà del salernitano, coordinate da Slow Food Campania. Quattro pizzerie della provincia di Salerno, Resilienza (Salerno), 3Voglie (Battipaglia), daZero (Vallo della Lucania) e Negri (Pontecagnano Faiano).
L’iniziativa raccoglierà la somma necessaria per l’adozione di uno dei 10.000 Orti in Africa della Fondazione Slow Food.

Un pomodoro realizzato per l’Evento

una pizza per l'africa

Il filo conduttore che unisce le 4 pizzerie, oltre la solidarietà verso le popolazioni del terzo mondo, è l’utilizzo di una passata di pomodoro realizzata specificamente per questo progetto. Coltivati dall’organizzazione di produttori TerraOrti e trasformati nell’IstitutoProfessionale di Stato per L’Agricoltura Profagri, i pomodori saranno utilizzati per farcire le pizze durante i quattro appuntamenti che stanno prendendo forma in questi primi mesidell’anno dopo l’apertura il 25 gennaio alla Pizzeria Resilienza e la serata di sabato 2 marzo alla Pizzeria DaZero, l’evento itinerante si concluderà il 30 giugno alla Pizzeria Negri diPontecagnano Faiano.

Contenuti precedenti

Vellutata di piselli con catalogna croccante e noci

Prossimi contenuti

SfogliateLab, nuove tentazioni in casa Ferrieri

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.