Home » 'E Ricette » Strudel di cavolo verza con salsiccia e formaggio

Strudel di cavolo verza con salsiccia e formaggio

0
Condividi
Pinterest Google+

Come preparare uno strudel salato di cavolo verza con salsiccia e formaggio. Ecco la ricetta

Ho trovato perfetta questa combinazione di sapori, ma d’altro canto era impossibile sbagliare. La verza è a km 0 proviene orgogliosamente dal nostro orto che, anche in questa stagione, continua a darci soddisfazioni, e ciò non era così scontato, considerando che è il primo inverno che viene curato da noi.

Ingredienti:

  • Un rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • Una verza piccola
  • Due salsicce grandi
  • 150 g. di formaggio Asiago
  • 2 spicchi di aglio
  • q.b. olio evo
  • sale e pepe
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di panna o latte

Procedimento:

  • Spellare e sbriciolare le salsicce, poi farle rosolare in una padella con un filo di olio. Toglierle e tenerle da parte.
  • Sfogliare la verza, lavarla e tagliare le foglie in due o tre pezzi, privandole delle coste centrali. Affettare queste ultime in lamelle sottili per ridurne il tempo di cottura. Versare il tutto in acqua bollente salata per 4/5 minuti, finché non risultano intenerite. Scolare e passare velocemente sotto l’acqua fredda, poi strizzare bene, togliendo più acqua possibile.
  • Nella stessa padella usata per la salsiccia fare insaporire a fuoco dolce, un poco di olio con i due spicchi di aglio, per un minuto, poi ripassarci la verza, aggiustandola di sale e pepe, per circa 5/10 minuti. Fare raffreddare.
  • Nel frattempo tagliare l’Asiago in pezzi molto piccoli (io ho usato la mandolina a fori larghi).
  • Aprire la pasta sfoglia mantenendola sulla sua carta forno ed appiattirla leggermente col mattarello, ingrandendola un po’. Trasferirla sulla teglia del forno, carta compresa.
  • Cospargere con l’Asiago la parte centrale, nel senso della lunghezza,  per isolarla dall’umidità che potrebbe rilasciare  la verza, poi disporvi sopra metà della salsiccia ed infine la verza stessa quanta ne basta. Terminare con il resto della salsiccia e del formaggio.

Se vuoi scoprire il segreto per chiudere lo strudel clicca qui

Contenuti precedenti

Per l’ultimo weekend di gennaio, a Nusco c’è “La Notte dei Falò”

Prossimi contenuti

A Teora arriva la sagra delle tomacelle e gli Squacqualacchiun

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *