Home » 'E Ricette » Secondi Piatti » Purptiell affugat, la ricetta tipica del borgo Santa Lucia

Purptiell affugat, la ricetta tipica del borgo Santa Lucia

3
Condividi
Pinterest Google+

Il piatto tipico della cucina napoletana, i purptiell affugat. Ecco come prepararli in pochi minuti. 

I polpetti affogati, in dialetto napoletano “Purptiell affugat” sono un piatto tipico della cucina partenopea creato nel Borgo Santa Lucia di Napoli da un gruppo di pescatori.

I polpetti affogati sono uno dei piatti più semplici ma gustosi e succulenti.

Per la preparazione dei purptiell affogati, vengono utilizzati i moscardini  lasciati cuocere, “affogare”, nel sugo di pomodoro, insaporito con aglio prezzemolo e pepe o peperoncino.

I polpetti affogati sono perfetti da servire con dei crostini di pane per un ricco antipasto, o come secondo, ma anche come condimento per una pasta.

Ingredienti polpetti affogati

  • 1 kg di piccoli polpi freschi o decongelati (moscardini da 150 g l’uno circa)
  • 700 g di pomodori pelati
  • 2 spicchi d’aglio
  • 6 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale quanto basta
  • pepe quanto basta
  • 1 ciuffetto di prezzemolo

Procedimento polpetti affogati

Pulite i polpetti eliminando tutte le interiora contenute nella testa del mollusco.

Eliminate l’osso centrale e privateli del becco e degli occhi (potete anche farveli pulire dal pescivendolo).

purpo

Lavateli accuratamente e disponeteli all’interno di una pentola capiente.

Passate i pomodori pelati al passaverdure o frullateli con un frullatore ad immersione.

Aggiungete la salsa di pomodoro ai polpi.

Coprite con coperchio e fate cuocere a fuoco lento per 45-50 minuti circa, fino a quando il sughetto non si addenserà e non assumerà un colore scuro, mescolate di tanto in tanto.

Aggiungete a fine cottura del prezzemolo tritato.

Servite i polpetti affogati come antipasto accompagnati da crostini di pane o come secondo piatto, ma anche per condire la pasta .

Se ti è piaciuta la ricetta dei purptiell affugat puoi lasciare un commento in basso.

Per seguire i consigli della nostra food blogger e altre ricette napoletane e non solo puoi cliccare qui

 

Contenuti precedenti

Cap'alice, l'osteria tipica napoletana nel cuore della città

Prossimi contenuti

Zeppole di pasta cresciuta. La ricetta originale napoletana

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.