Home » Siente a me » Il re delle festività natalizie. Quale dolce scegliere?

Il re delle festività natalizie. Quale dolce scegliere?

0
Condividi
Pinterest Google+

Si avvicina il Natale. Quale dolce scegliere? 

Parte il countdown natalizio. Natale è alle porte e con esso ci si prepara a portare in tavola, comperare e mangiare dolci a go go.

I re del mese freddo per antonomasia sono pandoro, panettone, ma anche torrone, taralli, struffoli, croccante, pandolce e cassate.

La tradizione italiana offre una vasta gamma di prodotti, adatti a soddisfare ogni gusto e palato.

Il re delle festività resta il panettone. Mandorlato, con canditi o senza, ricoperto da glassa e con crema, rappresenta il prodotto natalizio per antonomasia.

Inventato nel nono secolo, a partire dagli anni Cinquanta, è entrato nella grande distribuzione gastronomica italiana.

Tutelato dal 2005 con un disciplinare che ne specifica le caratteristiche tipiche, è il vero protagonista del Natale.

Segue immediatamente in termini di gradimento degli italiani, il pandoro, alternativa al panettone per i non amanti dei canditi.

Soffice, burroso, con la sua copertura di zucchero a velo, è un prodotto molto amato dai bambini.

Anch’esso ha conosciuto un’evoluzione nel tempo, tanto da essere farcito perfino con gelato a mò di torta, o da tramutarsi in presepe coperto di finissimo cioccolato.

Il tarallo dolce, prodotto tipico contadino, fatto con zucchero ed uova, è il dolcetto genuino della tradizione, che soprattutto al Sud Italia, amano inzuppare nel latte.

Dolce prettamente napoletano sono invece gli struffoli, piccole palline fritte e coperte di miele e confettini colorati, amate dai bambini, tanto che una tira l’altra.

Il croccante al cioccolato o al miele è un ever green che attraversa tutto lo stivale.

Ricoperto di cioccolato bianco o fondente, è il torroncino regalato nelle feste, sia che venga realizzato in casa o che venga confezionato dalle più rinomate aziende dolciarie.

A tavola non può mancare la cassata siciliana

Chiude la carrellata dei dolci natalizi, la celebre cassata siciliana, impasto leggero di ricotta, canditi, cioccolato fondente, ricoperto da una glassa e dal naspro, che richiamano i colori prettamente natalizi del bianco, rosso e verde.

Gli italiani si preparano a degustare questo e tanto altro, dimenticando per un periodo dell’anno l’ago della bilancia, pronti solo a godere di tutta la dolcezza di questo mondo!

Contenuti precedenti

Spaghetti alla Nerano, la storia di un piatto reale

Prossimi contenuti

Cetara, il libro di ricette di Ciancio al Premio culinario Ezio Falcone

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.