Home » 'E Ricette » Primi Piatti » Linguine alla marinara. La storia e la preparazione di un piatto unico

Linguine alla marinara. La storia e la preparazione di un piatto unico

1
Condividi
Pinterest Google+

Come preparare un piatto rapido e veloce come le linguine alla marinara. La sua storia, i sapori, la tradizione.

Le linguine alla marinara sono un primo piatto goloso ma velocissimo: poche mosse e darete vita ad una pasta saporita, ideale quando si ha poco tempo a disposizione. Inoltre il sugo potete prepararlo anche in anticipo e quindi giusto il tempo di cuocere la pasta e il vostro pranzo è pronto!

Uno dei sughi italiani più conosciuti ed apprezzati per il condimento della pasta, ha avuto origine negli anni ‘50 in Campania ed è preparato con ingredienti tipicamente meridionali. Stiamo parlando degli spaghetti alla “puttanesca”, conosciuti a Napoli, più semplicemente come “aulive e chiapparielle”.

Preparato con un sugo a base di pomodoro, olive di Gaeta, acciughe, capperi e prezzemolo, alcune varianti prevedono per questo spaghetto anche l’aggiunta di origano e peperoncino. L’origine del termine puttanesca, secondo il portale ecampania.it è tutt’oggi incerta, diverse sono le storie che si raccontano a riguardo, certe piuttosto bizzarre. Alcune di esse, riconducono ad una casa di appuntamenti nei Quartieri Spagnoli, il cui proprietario, data la rapidità e la facilità con cui il piatto veniva preparato, sfamava solitamente con questo piatto i suoi ospiti. Un’altra storia riconduce invece, il colorito nome di questo sugo, agli indumenti intimi che le ragazze della casa indossavano. Questi, con l’intento di attirare l’attenzione del cliente, erano parecchio vistosi e colorati, della stessa gamma di colori che ritroviamo nel sugo alla puttanesca.

 INGREDIENTI PER 4 PERSONE

  • Pomodoro San Marzano fresco o pelato 500 gr
  • Olive nere di Gaeta 50 gr
  • Capperi dissalati 50 gr
  • Olio extra vergine di oliva 80 gr
  • Aglio 1 spicchio
  • Origano (opzionale)
  • sale q.b.
  • Linguine 350 gr

PREPARAZIONE

Lasciar andare l’aglio nell’olio ma levarlo biondo.

Aggiungere i pomodori, le olive, i capperi precedentemente dissalati e lasciar cuocere a fuoco moderato un quarto d’ora.

I primi 6-7 minuti con coperchio poi senza coperchio per ottenere un sugo denso e corposo. Ricordatevi di rimestare spesso in modo che non di attacchi.

Assaggiare per il sale e valutate se occorre aggiungere dell’altro sale in quanto i capperi anche se dissalati.

Per il tocco di classe segui i consigli della nostra food blogger Clicca qui

Contenuti precedenti

Calabritto in fermento per la sagra: “Castagna Regina 2016”

Prossimi contenuti

Cava Vino, alla scoperta delle eccellenze campane del mondo vinicolo

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.