Home » Recensioni » Leopoldo Infante presenta la Taralleria Napoletana

Leopoldo Infante presenta la Taralleria Napoletana

0
Condividi
Pinterest Google+

Leopoldo Infante presenta Taralleria Napoletana: un nuovo progetto nel cuore di Napoli. Un LABSHOP dedicato a chi ama lo street food Napoletano per eccellenza: il Tarallo. Declinato in una varietà di gusti e abbinamenti sperimentali e sorprendenti. Laboratorio, shop, esposizione: la taralleria è un luogo in cui si fondono linguaggi ed esperienze, il nuovo con il vecchio, il passato con il futuro. Un luogo in cui si tramanda ma in cui si prova, si sperimenta, si crea e si “fa” come si faceva nelle botteghe di una volta.

Il progetto della taralleria di Leopoldo Infante ha una storia importante, lunga quasi un secolo, ed è una lunga storia d’amore. Negli anni ’30 in un piccolo forno nella scalinata di Santa Barbara, nel centro storico di Napoli, la figlia di un fornaio fece innamorare un giovane garzone.

Divenne la sua sposa. Insieme, tra mille difficoltà, aprirono una piccola bottega a Vico Tagliaferri, alle spalle del museo Nazionale. Fu l’inizio di tutto. Sui tanti carretti che giravano per Napoli, dopo un po’, c’era il loro tarallo.

Gli abitanti della città cominciarono ad amarlo, a raccontarlo a condividerlo. Quel giovane talento divenuto ormai un maestro, alla fine degli anni ‘60 decise che era venuto il momento di ingrandirsi, e di spostarsi a via Foria, la via degli artigiani, in quello che poi è diventato un luogo simbolico e di culto per ogni napoletano.Nasceva la Bottega del Tarallo.

Grazie anche all’aiuto, alla passione, e all’amore dei figli per quest’arte la Bottega acquistò sempre maggiore notorietà e Leopoldo, oramai divenuto nonno, decise che era venuto il momento di lasciare le redini ai suoi eredi che, in onore del padre, cambiarono il nome dell’attività in Tarallificio Leopoldo.

Oggi, grazie all’impegno di Leopoldo e Nunzia Infante, la nuova generazione dei tarallari napoletani, guidati e sostenuti dalla famiglia ed in particolare dal papà Gianni, nasce un nuovo progetto, che loro amano definire una promessa, fatta da chi quest’arte la ama, la custodisce (le nuove generazioni) a chi quest’arte l’ha insegnata, trasmessa e tramandata (papà e nonno Leopoldo).

L’APPUNTAMENTO DA NON PERDERE

Con Taralleria, la nuova era della famiglia Infante prende il via e il nuovo LABSHOP, che verrà mostrato e presentato al pubblico lunedì 25 settembre 2017, in via San Biagio dei Librai, 3 ben riflette tutta la passione, il desiderio, la dedizione, la cura, che i giovani imprenditori hanno messo in questa nuova avventura.

Contenuti precedenti

Casaluce, al via la nona edizione della sagra dell'uva fragola

Prossimi contenuti

Kermesse dedicata ai vini dell’Irpinia a Montemarano

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *