Home » 'E Ricette » Pasta al gratin, il piatto che i francesi portarono a Napoli

Pasta al gratin, il piatto che i francesi portarono a Napoli

3
Condividi
Pinterest Google+

La pasta al gratin (a gratè) è un tipico primo della cucina tradizionale napoletana, cucina che deriva dalle ricette che i cuochi francesi portarono a Napoli durante il regno dei Borboni e che il popolo seppe semplificare utilizzando ingredienti più poveri.

La pasta al gratin è un’ alternativa gustosa alla classica pasta al forno personalizzabile secondo i propri gusti. Questa la mia versione della pasta al gratin.

Ingredienti per 4 porzioni di pasta al gratin

  • 350 g di pasta (tipo tortiglioni)
  • 600 g di  besciamella (preparata con 500 ml di latte)
  • 250 g di provola affumicata
  • 100 g di parmigiano o grana grattugiato
  • 200 g di prosciutto cotto (1 sola fetta tagliata spessa)
  • pepe quanto basta

      per la teglia

  • burro quanto basta
  • pane grattugiato quanto basta

Procedimento pasta al gratin

Iniziamo a preparare la besciamella potete seguire questa ricetta (o utilizzate quella già pronta).

Nel frattempo tagliamo a piccoli pezzi la provola affumicata io l’ho grattugiata con una grattugia per fare le scaglie.

Tagliamo anche il prosciutto cotto a listarelle.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata.

Lasciatela al dente perchè poi continuerà la cottura in forno, quando è cotta scolatela bene.

Aggiungiamo alla pasta la besciamella (tenetene un paio di cucchiai da parte).

Il prosciutto cotto tagliato a listarelle, la provola affumicata (è una mozzarella affumicata) un pç di pepe nero macinato (facoltativo) e il parmigiano o il grana grattugiato (teniamone un cucchiaio colmo da parte) e mescoliamo bene.

Imburriamo una teglia (io ne ho usata una quadrata di cm 20×20).

Facciamo aderire del pane grattugiato.

Trasferiamo la pasta nella teglia imburrata e spalmiamo sulla superficie la besciamella che avevamo lasciato da parte e spolveriamo con il cucchiaio di formaggio grattugiato.

Inforniamo in foro già caldo a 200° per 30-40 minuti circa, fino a quando la superficie sarà bella dorata.

Sfornate e lasciate raffreddare per qualche minuto  in modo da poter tagliare la fetta senza che si rompa e servite.

Per altre ricette e come preparare la besciamella leggi qui

Contenuti precedenti

Birra gratis alla Rotonda Diaz: arriva beerETTA

Prossimi contenuti

Don Alfonso 1890, primo ristorante italiano e quinto al mondo nelle preferenze della clientela

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.