Home » 'E Ricette » Dolci » Frittelle di riso. La ricetta storica di famiglia

Frittelle di riso. La ricetta storica di famiglia

0
Condividi
Pinterest Google+

La ricetta storica di famiglia. Le frittelle di riso

Quando mi accingo a friggere le frittelle di riso non riesco proprio a controllarmi, ne mangio in maniera del tutto compulsiva, una dietro l’altra! Eh si, fanno quest’effetto, ve lo dico prima! Le frittelle di riso sono dei dolici buonissimi, della tradizione e preparati con riso originale.

Le frittelle sono una ricetta molto antica: pensate che già nella seconda metà del XV Martino De’ Rossi, cuoco alla corte degli Sforza a Milano, ne fa cenno nel “Libro de arte coquinaria”.

Questa è la ricetta di famiglia, tramandata da generazioni! Leggi la preparazione della ricetta passo dopo passo su cibiamonapoli

INGREDIENTI:

300 gr di riso

1 litro di latte intero

300 gr di acqua

110 gr di zucchero semolato

1 uovo

1 tuorlo

80 gr di farina

8 gr di lievito per dolci

buccia di limone

2 bei pizzichi di sale

20 gr di limoncello, rum, o vinsanto

ESECUZIONE:

1) Portare a bollore il latte e l’acqua con le scorzette di limone private dell’albedo.

2) Quando il latte bolle versare il riso e girare bene.

3) A metà cottura (ci vorranno in tutto 40-45 minuti) aggiungere lo zucchero, girare molto spesso il riso (meglio usare una pentola antiaderente) e far ritirare i liquidi.

Deve venire un impasto sodo come nella foto, è molto importante per la buona riuscita della ricetta!

4) Far raffreddare bene il riso, l’ideale (se resistete) sarebbe cuocerlo, come si usava una volta, la sera prima; aggiungi l’uovo, il tuorlo, la farina e il lievito setacciati e il liquore.

5) A questo punto aiutarsi con due cucchiai come se voleste fare dei malfatti e creare delle palline, passarle nella farina e friggere in olio non troppo bollente (160°), altrimenti dentro non si cuoceranno.

6) Una volta fritte passatele nella carta assorbente e poi nello zucchero semolato.

Se cerchi altre ricette clicca qui. Se vuoi lasciare un commento scrivi in basso

Contenuti precedenti

Fondazione Campagna Amica a Napoli. Ecco tutti gli appuntamenti da non perdere

Prossimi contenuti

Barilla investe sul grano campano. Ecco cosa prevede l'accordo.

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *