Home » Bevimmo » Chianti Classico a Cap’alice. L’appuntamento da non perdere

Chianti Classico a Cap’alice. L’appuntamento da non perdere

1
Condividi
Pinterest Google+

Chianti Classico Riserva Badia a Coltibuono 1970; 1994; 2006; 2007; 2009; 2011 a Cap’alice

Gran parte della storia del Chianti Classico ha attraversato la tenuta di Badia a Coltibuono. 1000 anni di produzione vitivinicola rendono estremamente affascinanti i vini di questa azienda, ritenuta anche una delle migliori espressioni del territorio.

L’ex complesso monastico ha gran parte dei suoi vigneti terrazzati nella zona Monti, la più alta dell’areale, dove alleva sangiovese, canaiolo, ciliegiolo, colorino nella piena convinzione di preservare la biodiversità locale.

Si è scelto di puntare ad un Chianti Classico molto autentico, esprimendo in pienezza la sua eleganza, profondità e piacevolezza nell’abbinamento con il cibo.

Oggi la proprietà è della famiglia Stucchi che da sempre ha creduto nella produzione biologica e in tecniche sostenibili nel rispetto della grande bellezza dei boschi che circondano la tenuta e dei suoi 800 ettari coltivati a oliveto e vigna.

E’ stata una delle prime in Toscana a credere in una agricoltura sostenibile, esempio poi seguito ad effetto domino da molte altre fino a creare il Bio distretto del Chianti Storico, associazione con sede a Gaiole e presieduta da Roberto Stucchi.

Da più di cinquant’anni a Badia a Coltibuono si fa cultura del territorio riservando grande attenzione all’accoglienza con i corsi di cucina, il ristorante e l’agriturismo, attività che attirano numerosissimi visitatori da tutto il mondo.

Il loro Chianti è ritenuto una delle espressioni più alte ed autentiche, è quindi imperdibile la verticale storica presentata dalla produttrice Emanuela Stucchi con Marina Alaimo.

Mercoledì 22 febbraio a Cap’alice: Chianti Classico Riserva 1970, 1994, 2006,2007,2009,2011.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Prenotazione ai numeri 081 19168992 mob. 3355339305

Cap’alice via Bausan 28/m Napoli

 

Contenuti precedenti

A Cava de’ Tirreni al via la festa del cioccolato

Prossimi contenuti

Real Madrid - Napoli. Scontro culinario tra Churros e Babà

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.