Home » 'E Ricette » Secondi Piatti » Cavolfiori al sugo con uva passa, una manciata in onore della tradizione

Cavolfiori al sugo con uva passa, una manciata in onore della tradizione

0
Condividi
Pinterest Google+

Cavolfiori al sugo con uva passa: con questo freddo non immagino niente di meglio! 😛

In molti non amano mangiare il cavolfiore, ma ci sono tantissime ricette che lo rendono davvero un piatto semplice e delizioso. 

Questa è una ricetta tipica, dove l’ingrediente più ricercato era l’uva passa: attualmente in molti non la utilizzano più, ma ho voluto inserirla tra gli ingredienti per mantenere intatta la tradizione. E poi, diciamocelo, cosa c’è di meglio con questo freddo di una calda e saporita zuppa? Se poi leggete anche tutte le caratteristiche del cavolfiore beh… c’è da restare davvero a bocca aperta!

Cavolfiori al sugo con uva passa, ingredienti per  quattro persone

  • 1,800 – 2 kg di cavolfiore già pulito
  • 1 cipolla bianca
  • Sale q.b.
  • 10 pomodori
  • 1 costa di sedano
  • Olio evo q.b.
  • Acqua q.b.
  • 1 manciata di uva passa (a piacere)

Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Cavolfiori al sugo con uva passa: la preparazione!

In una pentola capiente, portate a ebollizione abbondante acqua salata a piacere.

Lessate per almeno 5 minuti il cavolfiore già lavato e pulito dalle foglie e scolatelo con una schiumarola.

Fate raffreddare l’acqua e tenete da parte. In un’altra pentola, fate soffriggere leggermente la cipolla tritata finemente con la costa di sedano tagliata in più parti.

Quando la cipolla sarà diventata trasparente, unite i pomodori lavati e tagliati a pezzi grossi (a piacere potete usate i pelati già pronti, oppure unire un paio di cucchiai di salsa ai pezzi di pomodoro).

Unite poco alla volta l’acqua dove avete bollito i cavolfiori a mestolate (non vi servirà tutta, quindi fate attenzione) e unite i cavolfiori già precedentemente sbollentati. Fate cuocere fino a quando la verdura non sarà diventata morbida.

A piacere, ponete in un po’ di acqua l’uva passa ad ammorbidire e strizzatela, unendola quando i cavolfiori saranno quasi cotti.

Si possono aggiungere anche dei pinoli o dell’origano.

Potete servire con della pasta o accompagnato da deliziosi crostini di pane!

Se vuoi conoscere le proprietà nutrizionali del cavolfiore e consigli su altre ricette clicca qui

Contenuti precedenti

Festa della colatura di alici di Cetara, al via il premio gastronomico

Prossimi contenuti

Roccocò napoletani. Vi sveliamo il segreto per renderli morbidi

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.