Home » 'E Ricette » Cartellate al vincotto. Dolce delle feste di Natale

Cartellate al vincotto. Dolce delle feste di Natale

0
Condividi
Pinterest Google+

Le cartellate pugliesi al vincotto. La ricetta bio da preparare velocemente per queste feste natalizie

INGREDIENTI:

600 gr. di farina di tipo 2 Bio;

200 gr. di vino bianco (secco) Bio;

100 gr. di olio di oliva Bio;

1 pizzico di sale integrale Bio.

Vincotto

PREPARAZIONE

Mettiamo in una ciotola la farina setacciata, e versiamo al centro l’emulsione di olio e vino.

Impastiamo fino ad ottenere un impasto consistente e compatto.

Formiamo un panetto e copriamolo con della pellicola lasciandolo riposare per circa 30 minuti.

A questo punto, prendiamo l’impasto, tagliamolo a metà ed appiattiamolo sul piano da lavoro.

Stendiamo l’impasto con il mattarello (o il tirapasta) fino ad ottenere uno spessore di circa 2-3 mm.

A questo punto, dalla sfoglia ricavata, con un tagliapasta a rotella dentellata, ricaviamo dei rettangoli della lunghezza di circa 30 cm.

Dai rettangoli ottenuti, ricaviamo delle strisce dell’altezza di circa 3 cm.

cartellate pugliesi

Adesso prendiamo ogni striscia di pasta e pizzichiamone i due lembi del lato corto tra di loro, sigillando con una pressione delle dita, in questo modo otterremo delle conchette distanti di circa 3cm l’una dall’altra.

Arrotoliamo le strisce su se stesse formando delle rose, senza dimenticare di pizzicare la girandola in alcuni punti per evitare che le cartellate si aprano durante la frittura.

Una volta formate le cartellate, facciamole asciugare per tutta la notte, adagiandole sulla rete (o sul piano da lavoro), coperte con un canovaccio pulito.

Il giorno dopo possiamo friggere le cartellate:

Scaldiamo abbondante olio di semi in un tegame dai bordi alti, quando raggiunge i 170°, immergiamo tre cartellate al massimo per volta.

Lasciamo friggere le cartellate 3-4 minuti per lato, quindi scoliamole e lasciamole asciugare ben-bene.

In una padella mettiamo il vin cotto quindi, scaldiamolo appena.

Immergiamo le cartellate, poche per volta, adagiamole su un piatto da portata.

Le cartellate sono pronte per essere consumate, immediatamente o entro settimana successiva alla realizzazione.

Se ti è piaciuta questa ricetta lascia un commento in basso

Contenuti precedenti

La Garganega e le sue declinazioni al locale Cap'alice

Prossimi contenuti

A Caposele l’evento: “Cerimonia di accensione albero – Mercatini di Natale”

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.